Lunedì, 27 Luglio 2015 21:06

Verso la XXII Summer School

Scritto da  Gerardo

Il Centro Internazionale di studi sul Religioso Contemporaneo, in collaborazione con AIS-Associazione Italiana di Sociologia / Sezione di Sociologia della Religione e con il Comune di Tavarnelle Val di Pesa, presenta:
Il senso del vivere oltre le solitudini - XXII SUMMER SCHOOL ON RELIGIONS.
San Gimignano/Tavarnelle Val di Pesa (26-29 agosto 2015).
Nel seguito, una prima comunicazione, a un mese dall’inizio dei lavori.




Verso la XXII Summer School

Manca poco più di un mese alla apertura della XXII Summer School on Religions di San Gimignano. Una scuola estiva fatta con mezzi limitatissimi. Costruita grazie al lavoro volontario e alla abnegazione di tante persone e resa possibile dalla generosità dei singoli relatori e di associazioni scientifiche. In primis, la Sezione di Sociologia della Religione della Associazione Italiana di Sociologia (AIS). Ma anche enti pubblici. Il Comune di San Gimignano, principale sostenitore del CISRECO, al quale si è aggiunto da questa edizione il Comune di Tavarnelle.
Il 28 agosto la carovana della Summer si sposterà alla Badia a Passignano per svolgervi i lavori della quarta e quinta sessione di studi. Il tema, quello delle nuove solitudini è un tema antico, ancipite, dalle due facce e dalle due teste, appunto. “Ognuno sta solo sul cuor delle terra”. Così cantava Quasimodo. Ma già Rilke aveva risposto mostrando l’altro volto della solitudine. La solitudine necessaria. “La grande solitudine interiore. Andare in se stessi e non incontrarvi, per ore, nessuno; a questo bisogna arrivare”. Celeberrimo brano da “Lettere a un giovane poeta”.
La solitudine ha anche una dimensione sociale. Ed è quello che interessa alla nostra Summer School. Qui invece necesse est combattere questo stato che può presentarsi sotto l’aspetto economico, culturale, religioso. Può in realtà manifestarsi con mille volti. Qui la solitudine assume subito il sembiante della separazione, della emarginazione, dell’esclusione. E se in ambito sociale si arriva all’esclusione, allora nascono i problemi, i conflitti, le guerre. Il senso del vivere diventa amaro e insopportabile per tutti. Quelli esclusi e quelli “inclusi”.

In quattro giornate e in sei brevi ma intese sessioni la XXII Summer School vuol contribuire a combattere questa amarezza che ci inquieta e ci ammorba.
Si inizierà ricordando Oscar Romero. La Chiesa finalmente si è ricordata di lui. Uomo di Chiesa che divenne difensore degli ultimi. Dei poveri e dei campesinos salvadoregni angariati, torturati e uccisi da uno dei regimi militari più cruenti nell’America latina degli anni ’80. Lo ricorderà Mauro Castagnaro, lettore attentissimo della realtà latinoamericana e amico della Summer School.
La prolusione sarà tenuta da don Pino Ruggieri, teologo e storico della Chiesa. Nato culturalmente e religiosamente nella congerie e nelle speranze sortite dal Concilio Vaticano Secondo e da chi lo aveva fermamente voluto, papa Giovanni XXIII. Ed è a quel papato e quella svolta epocale che si rifà la sua prolusione: Ritrovare il Concilio in un “balzo in avanti”. Per don Pino Ruggieri, “Oggi il “balzo in avanti” passa attraverso una rilettura dei segni dei tempi del presente (nuova cultura della sessualità; consapevolezza del disastro ecologico; cultura dello “scarto”)”. E questo ci introduce direttamente alla prima sessione dedicata alla sfida di Papa Francesco.
Ma di questo ne parleremo la prossima volta.

San Gimignano, 25 luglio 2015



INFO / SEGRETERIA

Centro Internazionale di Studi sul Religioso Contemporaneo
C.P. 11 – Via San Giovanni, 38 – 53037 San Gimignano (SI) / Tel.: 0577 906102
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito Internet: www.asfer.it

Letto 395 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti
In primo piano
Canali Tematici