Mercoledì, 20 Dicembre 2017 23:06

Bruno Squartini. Pensieri sull’anima di San Gimignano

Scritto da 

Il Centro Internazionale di studi sul Religioso Contemporaneo di San Gimignano, sabato 23 dicembre 2017 alle ore 17:00, nel decennale della pubblicazione del libro «Città e Società», presenta: «Bruno Squartini. Pensieri sull’anima di San Gimignano», con introduzione di Arnaldo Nesti, direttore del Centro, e letture di Emilia Picone.

 

Comunicato stampa

Il CISRECO di San Gimignano, è noto, si occupa di sociologia delle religioni con particolare attenzione al religioso contemporaneo. Ma il fenomeno religioso si incardina nella storia e nelle vicende quotidiane delle donne e degli uomini. La vicenda di Bruno Squartini più di altri si presta ad una riflessione su quella che è la nostra società e la sua storia. Curatore dei “corpi” per la sua professione di farmacista prima, curatore ora del paesaggio e della bellezza nella sua nuova attività di guida ecologica. A dieci anni dalla pubblicazione della sua opera più importante, Bruno Squartini, sollecitato dalla introduzione alla conferenza di Arnaldo Nesti e dalla lettura di brani del libro fatta da Emilia Picone, si confronterà con il pubblico invitato, per schizzare e delineare un possibile stato dell’anima della nostra città.

Riproduciamo un brano significativo della presentazione del volume:

“… Bruno Squartini, per sua fortuna, è dotato della sensibilità di chi sa osservare e sa mettere per scritto le proprie impressioni, quindi, il “qualcosa” pur appartato, è sempre in stato di guardia, pronto ad elaborare quello che cade sotto lo sguardo.  Gli “articoli”, che ad avviso dell’autore costituiscono tutti insieme la “miscellanea” citata poc’anzi, oltre al ripetuto “qualcosa”, nascondono, ma non tanto, uno sviscerato amore per San Gimignano. Un amore duraturo, senza remore, addirittura cieco (come tutti gli amori) che in San Gimignano vede il bello (e a dir la verità ce n’è tanto) e non vede il brutto ( e a dir la verità ce n’è poco). Un amore non evidenziato subito, per la naturale timidezza dello scrittore, ma come conseguenza di un ragionamento. Cito, ad esempio, l’elogio della natura, delle piante, degli alberi, l’esposizione del mito e del sacro che trovano una conclusione in San Gimignano, nelle opere pittoriche di famosi artisti che si sono incontrati a San Gimignano per un richiamo istintivo, al quale non hanno saputo né voluto resistere. Un altro esempio è la vernaccia. A detta dello Squartini è un vino mitico, eccezionale (credo lo sia davvero), ma se si staccasse da San Gimignano non avrebbe ragione di esistere. E il nostro maggior poeta? Folgore è una gloria del Trecento, uno che ha capito il senso della vita, uno che può insegnarci molto (penso di si) e lo fa perché espressione di San Gimignano. Infine, saltando di palo in frasca, lo Squartini rompe gli indugi ed arriva ad un’esplicita dichiarazione d’amore. L’ha inserita in un “articolo” dal titolo “Perché San Gimignano”. Bisogna leggerla questa dichiarazione, non si può commentare, verrebbe sciupata ... Bruno Squartini … oltre a tanti pregi, ha quello di esprimersi in piena libertà” (Luciano Giomi, giornalista e scrittore).

 

Nota biografica su Bruno Squartini

Sangimignanese di nascita ed ivi residente. Ha conseguito il diploma di Perito Agrario ad Arezzo, la laurea in Farmacia alla Università degli Studi di Siena, esercitando la professione di farmacista. Si è interessato di cultura, storia e politica.

Ha ricoperto incarichi di responsabilità istituzionale, nel Comune di San Gimignano e nel Consiglio Provinciale di Siena. Ha fatto parte del prestigioso Consiglio di Amministrazione dell’Accademia Musicale Chigiana di Siena.

Ha scritto molti articoli, di cultura, storia e politica, per alcuni giornali locali, quali “Il Campanone”, “Il Giornale di San Gimignano”, “Valdelsa Viva”, “La Torre Grossa”, “Il Corriere di Siena”.

Nel 2008 ha conseguito il diploma di Guida Ambientale della Toscana. Ha insegnato a l’Istituto del Turismo di San Gimignano, al biennio Educazione Ambientale e nel triennio Marketing turistico. Ha insegnato all’Università degli adulti di Poggibonsi e all’Università degli adulti di Empoli.

La passione per la scrittura lo ha portato a scrivere 16 libri su argomenti di botanica in riferimento all’ambiente naturale della Toscana. Ha inoltre realizzato tre CD fotografici su San Gimignano, il suo paesaggio e il suo territorio.

 

Contatti

Giuseppe Picone (Cell.: 339 7315511)

Centro Internazionale di Studi sul Religioso Contemporaneo

C.P. 11 – Via San Giovanni, 38 – 53037 San Gimignano (SI)

Tel.: 0577 906102  

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Sito Internet: www.asfer.it 

 

 

Letto 523 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti
In primo piano
Canali Tematici